Libri / / Sono felice di essere "Chicca"

Sono felice di essere "Chicca"

Salvatore Gargiulo

Questa è la storia di un Bassotto, di nome “Chicca” di taglia piccola, che nella sua vita ha subito molti maltrattamenti.

€ 10,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 10,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 95
Categoria:
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-532-6

Biografia

foto autore SALVATORE GARGIULO
Sono Salvatore Gargiulo, nato nel 1958, già all'età di 15 anni mi appassionai alla fotografia, che negli anni è diventata la mia ragione di vita, sono stato fortunato a fare di questa passione il mio lavoro. Vivo attualmente in Piemonte ad Alba, ma la mia formazione professionale l'ho svolta a Napoli, dove i luoghi e le situazioni mi hanno facilitato quest'apprendimento. Ho studiato e continuo a farlo, affinché le mie foto siano sempre con un tocco di professionalità, rispetto all'evoluzione della fotografia. Il mio obiettivo e di emozionarmi per fare emozionare.

Nel 2010, purtroppo ho scoperto di soffrire di una malattia orfana di cure; la Sarcoidosi.
Dall'ora, il mio lavoro è diminuito velocemente.
Mi sono trovato a combattere in due direzioni, di cui non avevo preventivato.

Ho realizzato un libro fotografico "Filo Invisibile"
Una similitudine tra gli artisti di strada, e le malattie rare, "uguali" ma non "simili", "visti" ma "invisibili". Un libro fotografico, dove le immagini parlano più di tante parole e il mondo degli artisti di strada e quello dei malati rari sembrano essere legati da un filo invisibile.
Due mondi che apparentemente non s'incrociano, sembrano invece incontrarsi in un'idea comune: quella dell'ignoranza, della dimenticanza. Dei malati rari, come degli artisti di strada, nessuno conosce il nome, in un attimo ci si dimentica di loro.

E' stato un progetto per trovare fondi all'associazione, Amici contro la Sarcoidosi Italia Onlus.

Stralci

1 Stralci

Storia di un Bassotto

Ciao, il mio nome è Chicca, ho quattro zampe piccole, un corpo lungo, una coda lunga, un muso a punta e le mie orecchie che toccano per terra, sono di colore nero, con il musetto marroncino, in poche parole sono un cane di razza bassotto. E, sono felice di essere Chicca. Sono felice perché non sempre la mia vita vissuta è stata semplice così, anche se sono giovane, ho già vissuto una vita con un passato con tante sfumature, con tanti nomi e con tanti luoghi da vivere. Dicono che i cani non hanno ricordi, non hanno la misura del tempo, non hanno pensieri, qualcosa è vero ma non tutto, perché io ricordo alcune cose che non posso mai dimenticare, e se ci penso mi vengono i brividi nelle zampette;

(Rif. Pagina 2)

Recensioni

4 Commenti presenti. Media voto 5/5

Fabio Gargiulo 05/02/2014

"Dove finiscono le parole....iniziano i fatti."

Voto: 5/5