Libri / Poesia / A RUOTA LIBERA .
foto copertina
4156 Visite
Torna alla vetrina »

A RUOTA LIBERA .

DSRenard Domenico Scialla

Scrittura istintiva, spesso senza regole, di ciò che passa nella mente. Poesia, armonia, sogno, gioco, ironia, casualità, magia, irrazionalità, delusione, rabbia. Non bisogna necessariamente giungere ad un senso, ad una logica, ma semplicemente a delle emozioni, che potenti smuovono l’anima. Di questi miei scritti ho preferito proporre due versioni: una poetica, un’altra narrata Un’operella diversa dai miei lavori precedenti, oserei quasi dire sperimentale !

€ 5,50
Sconto 15% (€ 0,83)
Totale € 4,68

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 50
Categoria: Poesia
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6223-422-1

Biografia

foto autore Domenico Scialla DSRenard
Domenico Scialla (in arte DSRenard per alcune opere figurative e Richard Camisci per alcune opere letterarie ) nasce in Italia nel 1972 . Giornalista, scrittore e grafico ha al suo attivo la pubblicazione di una raccolta di racconti del 1997, Le mie prime ...anta... pagine, e alcuni racconti pubblicati tra il 1999 ed il 2000 nella rivista romana Orizzonti, per la quale collabora come responsabile delle pagine di musica e spettacolo . Il suo obiettivo è quello di tentare di “ tradurre ” in parole, forme e colori, le sue emozioni .

Pensieri: " Quando ascolto la melodia del nostro stare cosi' bene insieme, mi vibra l'anima come le corde delle tue più belle emozioni che senti per me "
Sei tu che illumini la notte ed uccidi l'invidiosa luna " Le emozioni non si lasciano scandire dal tempo, nè fanno della ragione la propria guida : Quando esplodono sanno quello che fanno . "
Parole e immagini
www.dsrenard.net

Stralci

6 Stralci

1

Io Ritengo, io ritengo che il mondo, il mondo, si possa addrizzare con una sana pelliccia che riporta il maestro a spiegare in un seme di posta distratta che il postino piccione non consegna perché farabutto che butta nel cesso il malloppo – lo dice anche Spiscia ! -., Ma il moto rettilineo uniforme si permette di entrare il tramonto e così eccetera si spiega cotangentemente l’amplesso complesso di zio che smise di suonare quando il successo lo aveva davanti e lo ha gettato a mare per un modo di fare degli esseri umani che non volano verso dove devono andare. Non posso accettare la spugna di grano col tenore profano che mescola il raggio con il Pi greco. ; : - … Piatto, piatto, cassa rullante cassa di semi di girasole ! Ed io ti ci porterò sconfinata in essenze di profilattici, di quel profilattico, anzi, gonfiato d’acqua schiaffato in faccia ed al cuscino. Ma poi Stefano e Peppino me l’hanno fatta pagare,, fuori dal cesso, fuori dalla stanza – erano vicini – per quasi tutta la notte di un inverno popolare. Torino ? la quasi Francia alle porte - il postfisso fr ancora non si sapeva cos’era…, Evviva Napoleone -! Ah Rocchetta, acqua della salute !! !

(Rif. Pagina 8)

Recensioni

1 Commento presente. Media voto 5/5

Gabry 03/12/2011

Hei scrittore ! ma se compro una copia della tua folle opera, mi dici poi da quale spacciatore ti sei fornito quando l`hai scritta :)))))))) Bella bella bellaaaaaaa

Voto: 5/5