Libri / Storia e Biografie / Narrando Auschwitz e Ferramonti per non dimenticare

Narrando Auschwitz e Ferramonti per non dimenticare

Andrea Galiano

“In occasione del 27 gennaio, cioè la “Giornata della Memoria”, abbiamo letto tanti brani che sono stati molto interessanti perché ci hanno fatto capire come la gente che viveva a quei tempi soffriva per delle persone cattive che facevano male a questa gente innocente. Io ho provato un’emozione fortissima che all’inizio pensavo che fosse paura, ma in realtà ho provato tristezza. Noi dobbiamo lottare per far sì che questa bruttissima esperienza non accada mai più. Inoltre volevo aggiungere che in questi brani c’è tanto dolore e speranza di tornare a casa.…” queste alcune riflessioni di mia figlia, allora frequentante la scuola primaria, riportate nella pubblicazione. Per ricordare ed onorare in particolar modo il valore dell’ “innocenza” ho deciso di scrivere questo volume con un carattere di stampa corsivo e non formale, per avvicinarmi a grandi linee alla scrittura di tutti coloro che frequentano le scuole primarie, diritto dovere non consentito in quegli anni a tutti i bambini deportati, a cui l’infanzia er

€ 8,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 8,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 108
Categoria: Storia e Biografie
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-610-1

Biografia

foto autore ANDREA GALIANO
Andrea Galiano, nativo di TARANTO, dove ha conseguito la Maturità Scientifica, è uno scrittore contemporaneo del panorama letterario italiano. Laureatosi a ROMA Dottore Magistrale in Psicologia delle Organizzazioni e dei Servizi (LM-51), ha conseguito l'abilitazione di Psicologo (Albo "A") presso l'Università degli Studi LA SAPIENZA. A ROMA ha conseguito anche la Laurea di Dottore in Scienze dell'Educazione e della Formazione, ad indirizzo Formazione e Sviluppo delle Risorse Umane. Ha profuso i suoi studi anche in Svizzera, laureandosi a LUGANO Dottore Magistrale in Scienze della Comunicazione, specializzandosi a pieni voti in Scienze Umane. A ROMA ha conseguito inoltre la specializzazione biennale postlauream in Sociologia dell'Educazione. Tra gli altri titoli accademici postlauream annovera il Master annuale in Scienze Criminologiche, il Master biennale in Pedagogia Sperimentale e il Master triennale in Counseling Clinico Socio Psico Pedagogico. È formato in Music Medicine, in Psicoterapia Breve Strategica e in Psiconcologia. È anche accreditato di livello dei Sociologi professionisti ANS e degli Antropologi inseriti nell'Annuario Antropologico Italiano. Diplomato in Giornalismo e Scrittura Narrativa, qualificato Autore di testi letterari e Compositore musicista, è acclamato autore di pubblicazioni e vanta una serie di prestigiosi riconoscimenti in Italia e all'estero.

Stralci

1 Stralci

Per ricordare ed onorare in particolar modo il valore dell’ “innocenza” ho deciso di scrivere questo volume con un carattere di stampa corsivo e non formale...

“In occasione del 27 gennaio, cioè la “Giornata della Memoria”, abbiamo letto tanti brani che sono stati molto interessanti perché ci hanno fatto capire come la gente che viveva a quei tempi soffriva per delle persone cattive che facevano male a questa gente innocente. Io ho provato un’emozione fortissima che all’inizio pensavo che fosse paura, ma in realtà ho provato tristezza. Noi dobbiamo lottare per far sì che questa bruttissima esperienza non accada mai più. Inoltre volevo aggiungere che in questi brani c’è tanto dolore e speranza di tornare a casa.…” queste alcune riflessioni di mia figlia, allora frequentante la scuola primaria, riportate nella pubblicazione. Per ricordare ed onorare in particolar modo il valore dell’ “innocenza” ho deciso di scrivere questo volume con un carattere di stampa corsivo e non formale, per avvicinarmi a grandi linee alla scrittura di tutti coloro che frequentano le scuole primarie, diritto dovere non consentito in quegli anni a tutti i bambini deportati, a cui l’infanzia era stata rubata e che erano condotti a morire nei campi di sterminio nazista. (Andrea Galiano)

(Rif. Pagina 10)

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni