Libri / Teatro, Cinema, Musica / MUSICA IN BIANCO E NERO
foto copertina
1747 Visite
Torna alla vetrina »

MUSICA IN BIANCO E NERO

Luca Aletta

All'inizio del Novecento negli Stati Uniti d'America risuonava una musica al quanto insolita per l'epoca: il Ragtime.
Nei saloon, nelle case d'appuntamento, nelle sale del cinema muto, nei teatri si suonava sempre e solo questa musica.
Questo libro di partiture per pianoforte raccoglie 10 brani originali composti dal M° Luca Aletta scritti in questo stile ma con una visione moderna.
Al suo interno troverete anche 2 rielaborazioni di 2 classici di Scott Joplin, il padre di questo genere:
"The entertainer" conosciuto in tutto il mondo come la colonna sonora del famosissimo film "La stangata" del 1974 con Paul Newman e Robert Redford; il secondo dal titolo "Maple leaf rag" è altrettanto celebre perchè usato per svariate pubblicità  e jingle..

Consigliato per tutti gli appassionati del ritmo !

Le partiture sono tratte dal cd omonimo "Musica in bianco e nero" (Arsis cd002) distribuito da Cdbaby.

Potete ascoltare i brani su: www.myspace.com/alettaluca oppure su: www.cdbaby. com/cd/lucaaletta2


€ 15,00
Sconto 10% (€ 1,50)
Totale € 13,50

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 21 x 29,7 (A4)
Copertina: Morbida
Pagine: 86
Categoria: Teatro, Cinema, Musica
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-054-3

Biografia

foto autore LUCA ALETTA
Luca Aletta nasce a Lentini (SR) il 3 marzo del 1984. Pianista, compositore, arrangiatore e didatta, dopo aver compiuto studi classici con i maestri Alfio Sgalambro (teoria e solfeggio) e Rossana Nastasi (pianoforte), si è accostato all'improvvisazione e alla composizione. Nell' ottobre del 2009, sotto la guida del M° Salvatore Bonafede, ha conseguito la laurea triennale in musica jazz al conservatorio "A. Scontrino" di Trapani con il massimo dei voti (110 e lode). Sempre nello stesso conservatorio, nell' aprile del 2012, sotto la guida dei Maestri Salvatore Bonafede, Lauro Rossi e Giancarlo Mazzù, ha conseguito la laurea biennale in musica jazz con il massimo dei voti (110 e lode). Ha frequentato corsi e seminari con alcuni dei più importanti musicisti della scena jazzistica italiana e internazionale e inoltre ha partecipato ad importanti concorsi di composizione e arrangiamento dove ha ricevuto menzioni speciali e premi. Ha all'attivo 12 incisioni discografiche (di cui 6 come leader) e 3 pubblicazioni di libri di partiture (di cui 2 di sue composizioni).

Stralci

2 Stralci

Introduzione in italiano

“MUSICA IN BIANCO E NERO” è un progetto interamente dedicato al ragtime. La parola “ragtime” sta a significare tempo stracciato, spezzato (da “rag”: straccio, bran¬dello e “time”: tempo). Il ragtime é stato la prima forma strumentale jazzistica scritta. Nasce dalla fusione tra il ritmo binario della marcia (eseguito dalla mano sinistra del pianista) e i ritmi sincopati di matrice africana (eseguiti dalla mano destra). Il ragtime venne alla luce alla fine del XIX secolo negli Stati Uniti d` America e inizialmente fu uno stile musicale prettamente pianistico, ma successivamente divenne anche orchestrale (bande, fanfare, piccole formazioni). Lo si poteva ascoltare dappertutto: nelle case d’appuntamento, nei saloon, nei teatri, nelle sale del cinema muto, ecc. Il suo più illustre esponente fu Scott Joplin (1868-1917), un pianista e compositore afroamericano che compose centinaia di ragtime e un`opera teatrale sempre in questo stile. Joplin è ormai conosciuto in tutto il mondo soprattutto per due sue composizioni: “The Entertainer” e “Maple Leaf Rag”. Il primo brano divenne la colonna sonora del film “La stangata” del 1973, con Paul Newman e Robert Redford; il secondo è stato utilizzato per svariate pubblicità e film. In questo lavoro ho cercato di rielaborarli in maniera molto personale. Oggi il ragtime viene considerato erroneamente uno stile musicale antiquato e poco jazzistico. Io ho provato a renderlo più attuale inserendo degli elementi finora poco usati in questa musica. Infine, all`interno di questo libro, troverete anche alcuni brani dedicati a grandi pianisti e compositori di jazz : “Willie ‘il leone’ Smith” è un tributo a Willie Smith che era soprannominato “the lion”, “It`s a rag for Monk” per Thelonious Monk, “Ragtime for Lennie” scritto per Lennie Tristano, “A little Cecil inside my rag” in onore del grande Cecil Taylor.

(Rif. Pagina 2)

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni