Libri / Poesia / L`AQUILA E LA FARFALLA
foto copertina
5117 Visite
Torna alla vetrina »

L`AQUILA E LA FARFALLA

Raffaele Lauriola

L`aquila e la farfalla delinea un percorso empirico che traghetta il lettore verso una nuova condizione che nutre nell`Essenzialismo la speranza di scorgere il Vero oltre la superficialità delle cose, demistificando le caduche, nonché corrotte scalate superomistiche. I versi ci guidano verso una trasumana riflessione dove si può riportare l`universo alla primordiale perfezione che vede da una parte il volgersi libero della Natura nella sua eterna ciclicità e dall`altra il risveglio dell`uomo dal suicidio al quale si è autocondannato.

€ 7,50
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 7,50

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 70
Categoria: Poesia
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-779-5

Biografia

foto autore RAFFAELE LAURIOLA
Raffaele Lauriola nasce a San Severo nell' ottobre 1963, ha conseguito la maturità classica presso l'Istituto Statale Publio Virgilio Marone di Vico del Gargano. Iscrittosi alla Facoltà di Lettere e Filosofia e, in seguito, alla Facoltà di Giurisprudenza, ha dovuto ritirarsi per necessità familiari, le stesse che lo hanno indotto all'abbandono della carriera militare presso la quale ha ricoperto la carica di Sottufficiale della Marina. Ha approfondito le suddette materie attraverso intensi e ricercati studi. Si è avviato nel mondo del lavoro come rappresentante e consulente finanziario e ha gestito per oltre vent'anni un'azienda metalmeccanica; continua a svolgere attività imprenditoriale lavorando nel campo dell'energia rinnovabile. Ha iniziato a scrivere i primi versi sin da bambino delineando un excursus poetico saldo e ben definito. La sua vocazione è andata via via consolidandosi fino alla nascita di "Io e il male" che vede la sua pubblicazione nell'anno 1981. Dopo un'incisiva attività poetica è giunto alla pubblicazione di "Inquietudini" e "Oltre l'artiglio" rispettivamente nell'agosto e nell'ottobre 1983. La quarta raccolta, "La morte e l'amore", sarà pubblicata solo nel 2013, racchiudendo oltre un trentennio di poesie lasciate sino ad allora inedite. Accompagnato da una fervida ispirazione, ha continuato a comporre versi che, nella primavera 2014, hanno rappresentato la sua quinta raccolta "L'aquila e la farfalla" in cui il distacco e stilistico e tematico dalle opere precedenti è bene evidente. Nel gennaio 2015 ha concluso una nuova raccolta, "Ars naturae" che, come la sua ultima opera ("Acqua e terra"), è rimasta tuttora inedita.

Le sue opere pubblicate:

Stralci

1 Stralci

Prefazione

Ai margini di una sgualcita società frastornata dalla disinvoltura dell`uomo moderno nasce L`aquila e la farfalla. Fiorita parallelamente ad una generazione che tende a preferire la prosa alla poesia, si fa promotrice di un terremoto di valori in grado di far crollare gli stereotipi del linguaggio moderno: denuncia l`avidità della civiltà contemporanea intenta a nutrirsi di gloria e potere. A partire da questo presupposto possiamo interpretare il titolo come allegoria dello scempio morale al quale siamo deformati: l`aquila che giunge audace, la farfalla che volteggia raminga. Esse configurano il fallimento socio-individuale dove l`eccessivo materialismo segue un lucido rammarico. La felicità è messa a dura prova dalla macchina di distruzione per eccellenza, il dio danaro, causa inesorabile della miseria umana. Il poeta intravede ma non racconta la strada da seguire, il compito di scernere il Bene dal Male spetta ad ognuno di noi. Lontano da smania e voracità il buio che attanaglia le nostre vite può ritirarsi e svelare un`epifania: "E` meraviglioso/Una stella/In mezzo ai fiori di/Primavera/Vibra". E` questo L`aquila e la farfalla, un manifesto che dice sì alla vita.. è una lotta senza e contro il tempo, un`opera che non dà risposte univoche, o non ne dà a sufficienza: "In quale giorno/Si diventa grandi/Sotto la croce/Dell`alzavola". All`alba di una lettura en plain air ci accingiamo verso un`atmosfera ideale dove i versi giungono alla vista ancor prima che al cuore come tele impressioniste dipinte con abbondanti ed imponenti pennellate di colore. Alla fine di questo viaggio più introspettivo che semplicemente letterario, ci sarà qualcosa da ricercare nel "culmo d`ombra" o in uno "specchio d`acqua/Colmo di sole", che sia un`aquila o una farfalla, entrambe o nessuna delle due, siamo esseri umani e come tali, siamo soggetti al libero arbitrio, anche se: "Ci sono le/Foglie dei/Limoni/Si muovono/Senza una parola".

(Rif. Pagina 7)

Recensioni

1 Commento presente. Media voto 5/5

Giusy 21/04/2016

Un "poeta maledetto" sbalorditivo. Lo consiglio a tutti,anche a chi non è amante della poesia.la poesia ja una struttura nuova,mai vista prima.niente è scontato.semplicemente travolgente.è questa la vera poesia

Voto: 5/5