Libri / Narrativa / I Brusca
foto copertina
1334 Visite
Torna alla vetrina »

I Brusca

ferruccio alfaroli

Bortolino è un ragazzino di Vendrogno, capoluogo della Muggiasca, una località nel territorio formato dal Monte Muggio mt.1900, sovrastante la sponda orientale del lago di Como, all`altezza del Comune di Bellano. Primogenito ed unico figlio maschio dei quattro figli di Lazzaro ed Eufrasia detta Frasina. Il padre ubriacone, malavitoso, violento e vendicativo, costringe la famiglia ad una vita di stenti e maltrattamenti. Fortunatamente Bortolino gode dell`amicizia del Medico Condotto dr. Marelli e di Torpedo, l`autista della corriera che cercano di aiutare lui e la famiglia. Lazzaro si rende protagonista di un fattaccio di cronaca nera che lo costringe, con la complicità dell` amante, alla fuga in Svizzera. Negli anni il bambino è diventato un giovane musicista, apprezzato dalle platee di mezza Europa. Questa popolarità non è sfuggita a Lazzaro che torna clandestinamente in Italia, per approffittare della situazione. Non sa però, che dovrà fare i conti con il maresciallo Santo Zichichi, che comanda la Stazione CC. di Bellano, il quale negli anni non ha mai smesso di cercarlo e raccogliere prove a suo carico.

€ 15,50
Sconto 10% (€ 1,55)
Totale € 13,95

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 319
Categoria: Narrativa
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6581-006-4

Biografia

foto autore FERRUCCIO ALFAROLI
Ferruccio Alfaroli, nasce a Sesto San Giovanni (Mi) nel novembre 1948, ma vive da cinquant'anni a Bellano (Lc), un ridente Paese posto sulla sponda orientale del Lago di Como (Lario), lungo la Statale 36, che da Milano, conduce al passo dello Spluga. Bancario in pensione, felicemente sposato da quasi quarant'anni con Marialuigia, ha quattro figli, tre femmine ed un maschio e due eccezionali nipotini. Ha sempre desiderato dedicarsi alla scrittura, ma gli impegni lavorativi e di famiglia glielo hanno sempre reso impossibile. Dopo il pensionamento realizza finalmente il suo sogno di sempre e comincia a scrivere. Dapprima si dedica solo ai brevi racconti, sino a quando nasce il suo primo romanzo: "I Brusca". L'idea era da tempo nei suoi pensieri, ma quando la mette nero su bianco inizialmente lo fa sotto forma di racconto, dal titolo "Bortolino", per destinarlo ad un concorso letterario locale. Quando sta per consegnare il manoscritto ci ripensa. Decide che quella trama può essere di molto migliorata. Torna sui suoi passi, abbandona il concorso letterario e riprende l'originaria intenzione. Inserisce fatti e personaggi nuovi ed ecco nascere il primo romanzo. Ama la lettura, la musica, soprattutto quella Classica, Sinfonica ed Operistica ed è un discreto clarinettista. Adora il calcio, la pesca sportiva, il modellismo navale ed i propri cani. La sua "Opera Prima", così la chiama lui, è in buona parte ambientata nei territori che circondano il Lario o che, per motivi economici , gravitano comunque sulla sua zona d'influenza. Pur essendo un Lagheé (modo dialettale per chiamare la Gente del Lago) adottivo, ama profondamente usi e consuetudini delle popolazioni della sua zona ed è sempre alla ricerca di notizie, aneddoti e quant'altro che poi inserisce nei propri lavori. Attualmente è alle prese con un nuovo romanzo, sempre ambientato sul lago, ma in un paese rivierasco una decina di chilometri più a sud da dove si svolge la trama de "I Brusca".

Le sue opere pubblicate:

Stralci

8 Stralci

Questa parte presenta la situazione in cui si trova la famiglia di Lazzaro Brusca.

Bortolino ha subito l’aggressione paterna, intervenendo in difesa della madre, aggredita dal bruto stravolto dall’alcool ed ora capisce di doversi sottoporre alle cure del medico. Per non preoccupare ulteriormente la mamma, il ragazzo esce di casa fingendo di andare a scuola e, tormentato dal dolore, si dirige verso l’ambulatorio.

(Rif. Pagina 5)

Recensioni

3 Commenti presenti. Media voto 4/5

Giulia M. 19/06/2012

Appena finito di leggere e devo dire davvero molto coinvolgente. Il ritmo narrativo incalzante, i luoghi descritti minuziosamente, i personaggi caratteristici nel loro essere e i valori che traspaiono rendono, a mio parere, la storia avvincente, semplice ma d`effetto. Ed è stato più che piacevole immergermi in queste pagine.

Voto: 5/5