Libri / Teatro, Cinema, Musica / ASPETTI CRITICI E LETTERARI DELLA NARRATIVA DEL NEOREALISMO ITALIANO
foto copertina
2245 Visite
Torna alla vetrina »

ASPETTI CRITICI E LETTERARI DELLA NARRATIVA DEL NEOREALISMO ITALIANO

ANGELO PORCARO

In generale si è d’accordo sul fatto che l’esplosione del neorealismo sia propria dell’età che va dal 1943 al 1949, ma, anche se in modi diversi, il periodo terminale degli anni trenta viene considerato come fondamentale anticipatore di questo fenomeno culturale. C’è chi parla appunto di «nuovo realismo» (Luperini) e chi vede in esso il periodo della semina: il periodo della preparazione e della semina era cominciato pressappoco nel 1930 col consolidarsi delle prime reazioni degli intellettuali, in Italia e fuori, alla dittatura fascista ormai stabilizzata. E’ giusto riconoscere che l’Italia, culla del fascismo, fu anche il primo paese che offrì un’attiva opposizione contro di esso, sul piano dell`azione come su quello delle idee. E questa precoce vaccinazione contro il fascismo fu di grande importanza per ciò che l’Italia fu poi in grado di dire all’Europa col movimento neorealista; intellettuali come Gobetti, Amendola, i Rosselli, Gramsci, Silone, Salvemini ecc. scrissero e agirono quando il fascismo governava l’Italia e ricattava l’Europa. Il neorealismo cominciò, oltre che con Fontamara (primo romanzo antifascista europeo), con le lettere e i quaderni scritti da Gramsci in carcere, con le considerazioni e le esperienze che Carlo Levi e Cesare Pavese venivano facendo al confino, con la critica della realtà italiana contenuta nei primi libri di Moravia e di Vittorini. Il neorealismo italiano trova, quindi, le sue origini assai prima della guerra e della “Resistenza” e va valutato sui tempi lunghi.

€ 17,00
Sconto 10% (€ 1,70)
Totale € 15,30

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 283
Categoria: Teatro, Cinema, Musica
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6581-036-1

Biografia

foto autore Angelo PORCARO
Angelo Porcaro è nato a Napoli il 16/06/1965. Si è laureato in Lettere il 16/12/1988 presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Ha conseguito la laurea in Filosofia il 28/03/1996, sempre presso lo stesso Ateneo. E’ docente con contratto a tempo indeterminato per l’insegnamento di Materie Letterarie e Latino presso il Liceo scientifico socio-psico-pedagogico “COLOMBO” di Marigliano (NA). Svolge attività di ricerca, occupandosi prevalentemente della letteratura italiana dell’Ottocento e del Novecento. Ha pubblicato testi su Francesco Dall’Ongaro, sulla letteratura popolare in Italia nell’Ottocento, su Eduardo De Filippo, sulla letteratura italiana e il suo pubblico nella storia, sulla storia della letteratura italiana del Novecento.

Stralci

Al momento non sono presenti stralci

Recensioni

1 Commento presente. Media voto 5/5

Ferdinando Di Dato 17/03/2012

Un libro interessante, dove si analizzano le peculiarità letterarie di un periodo storico importante e delicato per il nostro paese.L`autore,infatti,sottolinea l`importanza della letteratura del Neorealismo come impegno civile e morale, importante perchè tentò di formare una nuova coscienza italiana, un nuovo cittadino.

Voto: 5/5