Libri / Teatro, Cinema, Musica / Allo specchio L`inganno degli algoritmi

Allo specchio L`inganno degli algoritmi

Mara Di Maura

Due atti unici per il teatro.

€ 10,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 10,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 110
Categoria: Teatro, Cinema, Musica
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-513-5

Biografia

foto autore MARA DI MAURA
Laureatasi a pieni voti al DAMS all'Università degli Studi Roma Tre durante gli anni universitari comincia la sua formazione di attrice frequentando la Scuola di Tecniche dello Spettacolo di Claretta Carotenuto. Si specializza poi, tra gli altri, con Fioretta Mari, Michael Margotta, Emmanuel Lavalleè, Renato Cortesi… La sua attività di versatile attrice professionista in giro per la Sicilia in matineè scolastiche e repliche serali spazia dal vernacolo alla lingua, dal brillante al drammatico: fiabe, classici, contemporanei, commedie d'ambientazione siciliana. Ha recitato in diversi cortometraggi ed ha collezionato piccole partecipazioni cinematografiche e televisive. A gennaio del 2011 ha debuttato con l'atto unico "Allo specchio" da lei scritto, diretto, interpretato e prodotto. Forte di una fervida attività didattica teatrale presso enti di formazione e scuole nel 2011 ha fondato a Catania la scuola di recitazione "La bottega dell'attore" di cui è direttrice ed insegnante. Nel 2012 ha fondato la Sala Ridotto di Catania di cui è direttore artistico. Giornalista pubblicista iscritta all'albo, è mamma di una bambina e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa: dopo il romanzo Il sapore dei tramonti, scritto a quattro mani con il compagno Ernesto Calogero, la raccolta di racconti Seduta su un muro di marzapane e un pugno di fragole è la sua seconda pubblicazione.

Stralci

Al momento non sono presenti stralci

Recensioni

2 Commenti presenti. Media voto 5/5

Accademia Universitaria Biancavillese 07/05/2014

"Allo specchio" è una commedia a due voci femminili in cui, nonostante i temi trattati possano costituire spunto a riflessioni filosofiche - il doppio, il fato o destino, il tempo, le scelte e il sogno come appagamento dei propri obiettivi- il tutto viene affrontato con ironia e leggerezza. Cambiamo completamente atmosfera con il secondo dei due atti unici, “L’inganno degli algoritmi”, una tragedia. I temi affrontati dall’ opera sono infatti ispirati dalla cronaca e sembrano direttamente tratti da quei fatti di sangue cui la televisione ci ha, ahimè, abituati sempre più: l’infanticidio, il raptus e la rimozione. “L’aver visto in tv l’intervista ad una madre assassina” – rivela l’autrice- “ha talmente colpito la mia sensibilità da indurmi a scrivere del tutto di getto in un sol giorno quest’ atto unico a due voci il cui enfatico titolo, L’inganno degli algoritmi, usa una metafora tratta dalla terminologia della matematica per indicare l’inganno di una mente e il difficile e doloroso percorso di guarigione su cui è edificato tutto l’impianto drammaturgico.”

Voto: 5/5