Libri / Narrativa / A.D

A.D

Roberto Bisignani

"Quattro A. : Australia, Adam, Autumn e Aritomo. Una D. : Daktar. Parte da queste due sole lettere il racconto di una goccia di pioggia che prima di schiantarsi al suolo narra ciò che gli è stato instillato dalla nube madre, prima del distacco finale. Quattro vite che intrecciandosi con quelle di altri personaggi non meno importanti, fanno sviluppare nel subconscio di chi legge, un interrogativo larvale, indefinito, all’inizio posto ai bordi della galassia neurale ma che si sposterà poco alla volta in posizione centrale, attraendo nella sua orbita altri dubbi, altre risposte, purtroppo quasi sempre apparenti e fallaci. E così la morte cessa di essere quell’evento naturale ed imprevedibile, al quale abbiamo sempre comodamente voluto credere, per divenire invece un delitto perfetto. Il delitto perfetto compiuto dal fato".

€ 16,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 16,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 445
Categoria: Narrativa
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-431-2

Biografia

foto autore ROBERTO BISIGNANI
Roberto Bisignani (Sanremo, 1961) è alla sua terza opera, dopo il divertissement "Sono un ragazzo Vintage" (dal quale sono stati tratti frammenti inseriti in alcune raccolte letterarie) e il racconto "Ultimo Click" segnalato nell'edizione del concorso - Il racconto da leggere a Natale - anno 2010. Iniziato giovanissimo, dal padre, alla lettura dei classici americani (Steinbeck e Fitzgerald) ha sviluppato, anche grazie all'attività di doppiatore svolta negli anni '80, un vero e proprio culto nei confronti della lingua italiana che tenta di difendere dalle croniche ed inutili contaminazioni anglofone. Grande appassionato di informatica svolge attualmente inoltre le funzioni di Referente della Comunicazione Interna nella struttura ove lavora.

Le sue opere pubblicate:

Stralci

3 Stralci

Cap. 41

La capacità, anche involontaria, di sintetizzare nell’arco di pochi secondi interi anni di vita, è un processo che da sempre induce stupore. Non tutti però si soffermano sufficientemente sul fenomeno cercando di approfondirne i motivi. La maggior parte di noi accetta distrattamente la cosa ponendo a suo substrato la particolare condizione psicologica individuale del momento. Autumn però era convinto che questi riassunti non scaturissero sempre da furori nostalgici o disagio del contemporaneo vivere, quanto piuttosto da un esercizio celebrale, una prova d’orchestra periodica che il nostro principale organo ciclicamente pone in atto per prepararsi al riassunto finale, al conclusivo riepilogo fulmineo prima dell’ultimo spegnimento, quello definitivo dell’ interruttore vitale.

(Rif. Pagina 229)

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni