Libri / Scienza e Tecnica / La voce della scienza
foto copertina
1091 Visite
Torna alla vetrina »

La voce della scienza

Francesco Ciampi

Questa lucida panoramica passa in rassegna molte discipline scientifiche allo scopo di chiarire le idee ai lettori poco esperti. La narrazione, non priva di una punta di ironia, è incentrata sulle innumerevoli sfide che oggi stanno affrontando gli scienziati. Spesso si tratta delle domande che fin dall’adolescenza impegnano le nostre menti e che costituiscono le sfide ultime della scienza moderna. Sono problemi che interessano campi diversi, come l’astronomia e la meccanica quantistica, la vita e lo studio del cervello, la questione del fabbisogno energetico e gli scenari futuri della nostra civiltà. “La voce della scienza” è un’opera divulgativa sorprendentemente chiara, risolutamente imparziale, che trova proprio in questi due aspetti i suoi maggiori punti di interesse.

€ 14,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 14,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 412
Categoria: Scienza e Tecnica
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6682-557-9

Biografia

foto autore FRANCESCO CIAMPI
Francesco Ciampi è nato nel 1981 ad Avellino, città dove tuttora vive. Il Re del Bluff, la sua prima pubblicazione, lo colloca tra gli scrittori anticonformisti, attenti ai valori morali. Nella sua unica opera, infatti, Ciampi fa spazio ai problemi sociali attuali, scava nelle anime degli uomini comuni, ne svela le passioni segrete e ne denuncia le meschinità, polemizzando contro ogni tipo di convenzionalismo. L'universo di Ciampi è fatto di vinti e di coraggiosi, che sono coloro che, agendo sotto la spinta di ideali inconsistenti, alla fine devono arrendersi, ma nello slancio del loro tentativo di salvezza assurgono a un'amara dignità eroica. www.ilredelbluff.it è il sito internet dell'autore.

Le sue opere pubblicate:

Stralci

1 Stralci

L`effetto radioluminescente

Una volta, sui comodini dei nostri nonni, c’erano grandi sveglie degli anni Cinquanta, con delle lancette rumorose e fosforescenti al buio. Per realizzare l’effetto “radioluminescente” si usava per l’appunto il radio, un elemento radioattivo. Purtroppo, una volta non si conoscevano gli effetti di questo isotopo e destino volle che molti lavoratori morissero per le radiazioni della pittura al radio; morirono per fabbricare quadranti, lancette e strumentazioni varie.

(Rif. Pagina 170)

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni