Libri / Manuali e Guide / AL DI LA` DEL MIO MONDO
foto copertina
2619 Visite
Torna alla vetrina »

AL DI LA` DEL MIO MONDO

Fulvio Di Domenico

Tre viaggi, in moto, in solitaria. Per andare oltre. Per andare al di là del proprio mondo. Potrebbe essere un luogo, uno stato mentale, un atteggiamento. Ma una volta arrivati, ci troveremo senza le nostre certezze, le nostre abitudini, le nostre ancore di salvezza. E sarà il momento migliore per riscoprire chi siamo e per la nostra crescita personale. E` un libro di viaggi, un libro di emozioni, un libro di sogni da inseguire e di problemi da risolvere. Ma è anche un libro d`amore...

€ 10,00
Sconto 0% (€0.00)
Totale € 10,00

Consegna in 48h lavorative
Disponibilità immediata


Dettagli

Libro: Bianco & Nero
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 140
Categoria: Manuali e Guide
Editor: Photocity Edizioni
Lingua: Italiana
ISBN: 978-88-6581-199-3

Biografia

foto autore FULVIO DI DOMENICO

Le sue opere pubblicate:

Stralci

3 Stralci

Tratto da: "TRANSAHARIANA - Lungo la Transahariana Occidentale fino al Tropico del Cancro"

(...) C`è un cartello a circa 3 metri dalla strada, è piantato nel terreno e ha la base cementata per resistere al vento del deserto. E` arrugginito e inquietante per la solitudine che ha attorno. La strada è una lingua di asfalto grigio che scompare all`orizzonte, sia a nord che a sud. Principessa è appoggiata morbidamente sul suo cavalletto d`acciaio. C`è solo il rumore del vento. Vorrei toccare quel cartello. Sono talmente nel nulla che posso contare le cose che vedo: un deserto, una strada, un cielo, una moto... e un cartello. Vorrei toccare quel cartello... ma non lo faccio... ed è meglio non mettere i piedi fuori dalla strada... visto che il cartello dice che attorno è tutto minato!... (...) (...) Preparo i bagagli e scendo. Non ci posso credere! PIOVE!!! In mezzo al deserto del Sahara! E` una pioggerellina fitta come una nebbiolina, è tutto grigio, il cielo è completamente coperto. Metto una felpa perchè fa freddo e mi preparo a questa nuova avversità. Queste strade non vedono certamente acqua da un bel po`, sembra di guidare sull`olio, due o tre volte la moto scoda, vado pianissimo... La città comincia a svegliarsi, i militari, i tipi dell`ONU, cerco di rimettermi sulla Transahariana, ma è un casino, e mi perdo in periferia. Ogni tanto chiedo a qualcuno, non c`è un cartello e la visiera è tutta zozza. Ai bordi delle strade di periferia camminano i poveracci che aspettano i camion che li carica nei cassoni per andare a lavorare, probabilmente nelle miniere di fosfati, grande ricchezza di questa regione. (...)

(Rif. Pagina 49)

Recensioni

Al momento non sono presenti recensioni